Servizio di counseling rivolto a persone omosessuali, transessuali e famiglie

Vedovanza LGBT – elaborazione del lutto

 

Come detto in altre pagine di questo sito, oggi in Italia anche per le coppie omosessuali è possibile avere un legame riconosciuto grazie alla legge sulle unioni civili.

Chiaramente si comprende come nel tempo capiterà che uno dei due componenti della coppia muoia e che quindi l’altro/a “vedovo” o “vedova” (parole forse usate impropriamente, ma attualmente non ne esistono di più appropriate), si trovi a dover affrontare la perdita e a dover elaborare il lutto.

Come avviene l’elaborazione del lutto, è un fatto molto personale, che nella maggior parte dei casi non ha bisogno di un aiuto esterno e che si completa nel tempo grazie ad un percorso di accettazione della perdita.

Altre volte invece, l’elaborazione del lutto è più difficile per cui può essere utile l’aiuto di una persona esterna.

Per quanto riguarda la perdita del compagno o della compagna in una coppia omosessuale, potrebbero esserci degli aspetti che rendono più complicato il percorso, se la coppia era non dichiarata, non pubblica e se viveva in modo “riservato” l’essere coppia.

In questa ipotesi la persona che vive la vedovanza, potrebbe non avere l’appoggio della famiglia o dei parenti e questo potrebbe rendere più difficile, appunto, il processo di elaborazione del lutto.